Il selezionatore

I primi giorni di Gennaio sono stati pesanti anche perchè la situazione lavorativa era di completo stallo, non ho ricevuto una telefonata che fosse, anzi mezza, non per chissà cosa ma almeno per un colloquio che potesse poi portare a concretare una qualsiasi attività. In tutto questo, poi la mia unica certezza economica, l’università, mi aveva appunto pronosticato il peggio.

Dico pronosticato e non detto perchè ora riconosco che il mio pessimismo c’ha messo del suo. Più che pessimismo, termine troppo generico, la mia coazione a sentirmi escluso, anche in un contesto in cui nemmeno chi non vorrebbe trattenermi ha in realtà intenzione di escludermi, e tutti gli altri sperano che io rimanga, lo chiedono e si scornano se non è così.

Perchè qualche giorno fa uno dei sistemi è crollato, con un pesante guasto fisico, e c’ho lavorato alcune ore per recuperare la situazione, mentre nel frattempo gli utenti avevano computer utili a funzionare come stufe e nient’altro. Il mio ruolo poi è proprio questo, i sistemisti come me non servono a niente salvo quando servono: perchè se l’infrastruttura funziona allora non c’è un lavoro quotidiano da fare, ma quando non funziona occorre sapere dove mettere mani e lavorare anche in condizioni di forte stress (perchè sono stati tutti gentili, ma comunque pensi che ci sono alcune persone che stanno a braccia conserte perchè non funziona niente, ed è inevitabile che ti senti esposto).

Presumo che il contratto sarebbe stato rinnovato comunque, però questo guasto mi ha fatto tornare a sentirmi parte di un gruppo di lavoro e non solo quello che due mesi fa scrive delle mail peggio che scocciate in cui li avvisa che se non si fanno alcune cose possono succedere dei guai che danneggiano la struttura aldilà della recuperabilità. Si scocciarono molto per la mail, ma alla fine acconsentirono a starmi a sentire e il risultato è che siamo stati giù per alcune ore e non per alcuni giorni.

Proprio in parallelo a questo, c’è stato un risveglio del mondo informatico romano, per cui arrivano richieste e proposte di incontri per future attività. Una di queste è lo spunto per il titolo, perchè era una agenzia interinale (una cosa abbastanza seria) con un selezionatore che è decisamente un bel ragazzo, e che tanto ho avuto la sensazione che fosse della parrocchia giusta. Anche il colloquio è stato insolito, perchè in certi momenti mi è parso che volesse proprio non dico sondare il terreno, ma certo che quando uno ti chiede cosa fai nella vita, a parte il lavoro, rimani incuriosito (io gli stavo per dire: beh, domani sera sono libero. Ma non eravamo solo noi due, c’era anche una sua collega che è stata quasi platealmente ignorata, niente di personale però quando uno è bono è bono). Mi è piaciuto il suo stile sobrio e professionale e la calda stretta di mano con cui mi ha salutato.

Così me ne sono stato ieri a pensare come potergli lanciare un amo (che molti gay mi dicono spesso: tu non sembri gay. A parte che non so come si sembri gay, certe volte potrebbe non essere una buona cosa, tipo questa volta qui, questo qui potrebbe nemmeno pensarci a me e io invece, per usare una espressione di Watkin, gli darei giù finchè non cade l’intonaco dalle pareti) così con un pretesto ridicolo gli ho mandato oggi un’altra copia del mio curriculum, lui mi ha risposto ad immediato giro di posta, ci siamo dati del lei ma poi ho concluso dicendo che apprezzo molto la sua cortesia ma possiamo anche darci del tu.

Se non è scemo la capisce :)

Ma a parte questo colloquio e i suoi auspicabili sviluppi in verticale ed orizzontale, si stanno rimettendo in moto tutta una serie di meccanismi e contatti che già avevo in passato, e che un po’ mi fanno sperare nel futuro. So che tutto questo processo avviene in una dimensione ancora nevrotica, ovvero appena decido di chiudere con l’università improvvisamente questa mi manifesta tutto il suo interesse e anzi decidono pure di fare grandi investimenti, perchè il meccanismo invischiante è tipico di quell’organizzazione sociale (non credo che l’università possa definirsi solo un lavoro, è proprio un mondo a sè. Ed ho ormai acquisito che in quel mondo io mi sono trovato bene perchè ritrovavo in esso delle dinamiche – di ricatto emotivo – analoghe a quelle che sperimento in ambito familiare).

Devo superarlo, ma non posso proiettarmi a chissà quale distanza, e devo quindi identificare le aree di intervento su cui concentrarmi per cambiare il paesaggio nel quale mi muovo. Non devo fare il mio solito errore, di pensare di poter far tutto, che è sempre il modo migliore di non fare niente.

Nel frattempo, se il suddetto selezionatore mangiasse la foglia, sarebbe una ottima cosa :)

Pubblicato il 30 gennaio 2009, in Fatti miei con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 6 commenti.

  1. ahahahahahah
    beh se non ti seleziona un selezionatore allora vuol dire proprio che il mondo ha cominciato a girare al rovescio…

    Fab.

  2. @Fabio: ma io c’avrei tanta voglia di un certo tipo di selezione col selezionatore, in attesa di altri tipi di selezione :)

    Grazie per quello che dici.

  3. in bocca al lupo col tipo bono. ma l’indiano è scomparso?

  4. A me uno che mi dice di dargli del tu è facile che pensi un bel “uffa”, di sicuro comunque non capirei… mi ci vogliono sempre i sottotitoli. Secondo il tuo ragionamento io sarei scemo :(

  5. Secondo me il solo fatto che Paolo gli ha mandato il suo CV e lui abbia subito risposto è un bel inizio…FACCE SAPE’ :-)

  6. @sacherfire: non capisco perchè “uffa”, è difficile uscire una sera con uno a cui dai del lei :)
    @sonia: confido che il tuo intuito femminile c’abbia preso :)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: