Eutanasia di un partito

Scrive Ezio Mauro nell’editoriale di oggi:

La sintesi paralizzante di tutto questo è la guerra tra Veltroni e D’Alema, che nel disinteresse totale degli elettori litigano da quattro partiti (pci, pds, ds e pd), mentre nel frattempo il mondo ha fatto un giro, è nato Google, ci sono stati cinque presidenti americani e l’Inter è tornata a vincere lo scudetto.

Direi, meglio tardi che mai. Perchè qui non è che, caduto Veltroni, ora arriva D’Alema o il suo alfiere Bersani. Devono comunque farsi tutti da parte, non ne possiamo più. Perchè “con questi leader non vinceremo mai”.

Aggiunge poi:

Perché come dimostra il caso Englaro le idee oggi predeterminano le scelte politiche, soprattutto in partiti che sono nati appena ieri

E quindi con questo io annuncio la mia pubblica candidatura a scrivere gli editoriali di Repubblica.

Perchè all’atto della nascita del PD ho detto e ripetuto che non ci si mette insieme perchè si è d’accordo sulla curva IRPEF, ma ci perchè si mette insieme per i valori, che oggi sono la bussola della società occidentale. Formare un partito unito sulla post-ideologia in campo economico (eravamo comunisti, ora non crediamo più nella lotta di classe, ma in una solidarietà riformista) non basta nemmeno un po’ a mettersi d’accordo sulle cose più importanti, i temi della vita e l’idea più o meno inclusiva di società, tutte quelle cose su cui la destra martella ferocemente ogni giorno, lasciando che la crisi economica esploda perchè tanto non sanno cosa fare.

La Chiesa ha capito benissimo che oggi l’identità è valoriale, per cui ha scelto un papa modesto ma che è dogmatico in ogni cosa che dice e che fa. Con l’arrivo poi della crisi economica, non c’è proprio niente di cui discutere di economia, il debito pubblico sarà consolidato, la Cina presa a calci nel culo così si impara, lo Stato occuperà la maggior quota della produzione del PIL e diventeremo tutti più keynesiani di Keynes.

Per cui, conta cazzi che siamo d’accordo con la Binetti o altri tanfi di sacrestia che l’IRPEF sui redditi alti è al 49%, conta se siamo d’accordo sull’aborto, le unioni civili, l’eutanasi, il divorzio. Mi pare che non siamo per niente d’accordo.

E’ vero che, come scrive Mauro, questa difficoltà del PD sconta anche la crisi del cattolicesimo democratico. Ma è anche colpa del PD che invece di prendere Ignazio Marino e metterlo vice-segretario, l’ha lasciato in splendido isolamento. Nè credo che il progetto del PD possa passare attraverso la speranza che prima o poi la Chiesa apra gli occhi sulla gravità di quanto sta facendo, sull’aver costruito a destra un partito ateo e clericale, e sull’inviluppo della società italiana.

Annunci

Pubblicato il 18 febbraio 2009, in Fatti nostri con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. la chiesa gli occhi ce li ha bene aperti, secondo me. la progressiva scomparsa del pd fa parte del suo disegno, ne scrivevo un annetto fa. l’intrusione dei cattolici integralisti nel partito è stato lo strumento, ché come dici tu è sui valori che il partito sarebbe esploso, come in effetti sta accadendo. e i ds sono stati al gioco, non ho ancora capito perché, mentre walterino gli ha fatto da bandiera. è dal 1870 che aspettano la rivincita, e la chiesa sa aspettare…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: