Giornata lavorativa

Ci sono giorni in cui non ti cerca nessuno, e giorni in cui non sai a chi dare il resto:

  1. Telefonata da parte di società sconosciuta, dirò solo che la telefonata l’ha fatta una che si è qualificata del reparto acquisti, evidentemente io sono come una matita, intanto la compri poi vedi a che ti serve. Se ho tempo andrò a trovarli per farmi due risate (tutto il resto della telefonata è stata delirante, del tipo che io chiedo di mandarmi  una mail con i contatti e questa dice che poi se deve mandare una mail a tutti quelli che sta contattando non finisce più: una modalità di selezione del personale detta ‘ndo cojo cojo (dove colpisco colpisco))
  2. Incontro per vedere se c’è un aggancio con un editore scientifico, sto pensando di scrivere un poderoso volume tecnico ma non è che prima lo scrivo e poi lo vendo
  3. Incontro e colloquio telefonico per scrivere un corso in formazione a distanza, su quasi lo stesso argomento di 1). E’ avvenuto nello stesso posto di 1) ma con altro editore (quindi non mi sono dovuto spostare per lavoro, tempo prezioso guadagnato)
  4. Telefonata da parte di una società per inviarmi del materiale su cui devo lavorare un po’, è uno studio di fattibilità per un prototipo. Sono pessimista, il lavoro è troppo grande per il poco tempo a disposizione, e non hanno per ora soldi per pagarmi (gli proporrò un abisso di soldi entro Dicembre, a questo punto)
  5. Spesa al supermercato, telefonata da tizia che cerca per un suo cliente un certo specialista, io quando potrei almeno fare un colloquio e vedere di cosa si tratta?
  6. Spostamento di alcune uscite di Raccordo Anulare per tenere un corso, con un cliente istituzionale che vale assai la pena fare bella figura, questi sono solo l’avanscoperta di una truppa che potrebbe essere numerosa. La classe è poi molto piacevole, gente che capisce in fretta
  7. Telefonata ricevuta da parte di tizio, c’è un suo amico che cerca un tal professionista per un cliente, quando potete vedervi?
  8. Telefonata da parte di altro tizio, c’è un altro suo amico che vorrebbe chiedermi delle cose per valutare una attività, quando è possibile?
  9. Telefonata da parte di altro tizio, allora Lunedì cominciamo l’attività, la sala server è pronta
  10. Nuova telefonata della tizia (quella al supermercato) che si sta muovendo
  11. Ulteriori due telefonate della tizia, alla fine ci vediamo intanto noi poi il cliente c’ha le cose sue e ora non ha tempo per ricevermi (ovvero, è convinto che io passo la giornata ad aspettare che mi chiami e sono pronto subito per andargli a parlare)

Ognuna di queste telefonate richiede non poco tempo ed energie per essere analizzata, valutato insieme quando e come fare cosa, data una priorità perchè non sono tutte cose allo stesso livello e allo stesso punto, alcune sono attività altre  sono e rimarranno chiacchiere.

Quindi ieri è stato un finimondo assai faticoso, conclusosi alle 22 di sera, mi sono messo a letto un po’ confuso come proprio se avessi passato la giornata su una girandola. Le due giornate precedenti non erano state tanto da meno, e avevo già del lavoro arretrato e delle cose che mi ero ripromesso di fare e che non ho fatto.

Mi scrivo tutto questo così, quando avrò un periodo di bonaccia, me ne ricorderò.

Annunci

Pubblicato il 14 marzo 2009, in Fatti miei con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: