Così su due piedi

Mentre me ne girovagavo sacramentando per la pessima organizzazione delle celebrazioni per i 140 anni della Breccia di Porta Pia, la mia attenzione è stata catturata da un bel ragazzetto che veniva verso di me; aveva un viso vagamente familiare, ma io sono ben poco fisionomista, per cui ero un po’ interdetto: ma questo dove l’avevo visto?

Lui: “Ciao!”
Io (un po’ in imbarazzo): “Ciao. Ci conosciamo?”
Lui: “Ciao!”
Io : “Sì ok ciao. Ma non mi ricordo di te…”
Lui: “Ci conosciamo, una volta stavamo proprio da queste parti a parlare!”
Io: “Ah sì? Non riesco a mettere a fuoco”
Lui: “Non ti chiami Alessio?”
Io (pensando che sta a fare il simpatico): “Veramente no”
Lui: “Allora forse ci siamo conosciuti a Valle Giulia”
Io (sospettoso): “Non credo, non ci sono mai stato”
Lui: “No?”
Io (finto ingenuo): “E che cosa ci facevi a Valle Giulia?”
Lui: “Ci lavoro”
Io: “Ah, fai il marchettaro”
Lui: “Beh sì…sai, ce l’ho grosso e quindi lo tiro fuori e lo sventolo”
Io: “Beh pure io ce l’ho grosso, mica per questo me lo tiro fuori e lo sventolo”
Lui: “Ah…”
Io (e mo’ che mi dici?) : “…”
Lui: “Facciamo sesso?”
Io: “Dipende, che vuoi essere pagato?”
Lui: “Sì”
Io: “Allora credo proprio di no”
Lui: “Sai, per me è un lavoro…”
Io: “Certo, capisco”
Lui: “Non è che hai qualche spicciolo?”
Io: “No”

E insomma se ne va. Una volta un gentiluomo mi disse: un gentiluomo è colui che sta a suo agio in ogni situazione, e mette gli altri a loro agio in ogni situazione. Credo sia un impegno, non solo un obiettivo.

Sono comunque accettati suggerimenti sul cosa rispondere, così su due piedi, ad uno che ti dice che ce l’ha grosso e quindi ogni tanto lo mette all’aria aperta a mo’ di richiamo.

Tra l’altro, se dovessi basarmi sulla fisionomia, direi che era un mio ex studente all’università, anche se non credo, perlomeno mi avrebbe riconosciuto.

Annunci

Pubblicato il 20 settembre 2010 su Fatti miei. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 6 commenti.

  1. io sarei rimasto con la faccia perplessa a ripetere prego? a ogni sua frase…

  2. Io invece avrei un po’ mercanteggiato, visto che devo pagare pretendo prima di vedere se l’attrezzo del mestiere corrisponde a quanto pubblicizzato, sono tutti superdotati a parole. Poi nel caso mi sarei fatto una risata dopo.
    Di solito a stridere in queste situazioni è il contesto ed è per questo che rimango sempre un po’ perplesso quando mi capita.

    • Sì, come sceneggiatura da film porno ci sta pure, ma per quanto questo qui fosse un tipo di cui non dovevo certo temere la potenza fisica, era molto meglio evitare di mettersi in qualsiasi situazione in cui avrebbe voluto mettermi, smontando quindi sul nascere la proposta.
      Io più che perplesso pensavo: ora si appaleserà qualcuno che conosco per dirmi che era tutto uno scherzo.

  3. ma la tua risposta
    “Beh pure io ce l’ho grosso, mica per questo me lo tiro fuori e lo sventolo”
    corrisponde a verità o e solo una boutade?
    adesso vogliamo le misure ;-)

  4. Eh sì, in effetti “anche io ce l’ho grosso” non è da gentiluomo, Paolo, no no no :))

    Comunque mi chiedo: se il marchettaro era tuo studente, tu esattamente cosa insegnavi all’università? eheheheh

    • Io insegnavo alla facoltà di ingegneria, quindi nel caso il marchettaro fosse stato mio studente, posso quantomeno concludere che il cambio di lavoro gioverà al suo portafoglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: