Le previsioni di un terremoto a Roma l’11 Maggio 2011

Ecco signora mia, guardi che lo dicono tutti, ci sarà il terremoto, ma io mi organizzo per tempo e porto i figli al mare (ottima idea, metti caso ci fosse uno tsunami) anzi in montagna (beh nel reatino c’è stato uno sciame sismico che è durato dei mesi).

Il sonno della ragione genera mostri, e questo del terremoto dell’11 Maggio prossimo venturo è uno di quelli insidiosi: in fondo, anche se non c’è nessun pericolo concreto, che vuoi che ci sia di male se uno si prende un giorno di ferie? Giusto per sicurezza.

Sicuro, l’11 Maggio uno può fare quello che vuole, anche la figura da fesso, oltreché iscriversi a qualche gruppo di Facebook giusto per non sentirsi solo ma anzi insieme ad altri fessi, ma sarà il caso di chiarire i termini della vicenda.

A cavallo tra ‘800 e ‘900 visse Raffaele Bendandi, che in assenza di una educazione formale sviluppò una sua teoria sui terremoti: lasciò inoltre delle previsioni su quando i terremoti si sarebbero dovuti verificare, ed in almeno un caso (un terremoto nelle Marche all’inizio del ‘900) ci prese in pieno, con tanto di titoloni del Corriere della Sera, e anzi ad un certo punto l’invito pressante del fascismo a non fare ulteriori previsioni, per non far fuggire i turisti dall’Italia.

Oggi, secondo alcuni, le previsioni di Bendandi dicono che ci sarà questo terremoto a Roma, di qui a qualche settimana.

Cerchiamo di mettere in ordine le cose, cominciando dalle previsioni.

Non c’è nessuna previsione su Roma nel 2011, perché le previsioni fatte dal Bendandi si fermano al 1977. Non so per quale motivo uno che muoia nel 1978 faccia previsioni fino al 1977, che nessuno può controllare, e non si spinga in avanti, giusto per dimostrare di non avere avuto solo fortuna nell’indovinare in un caso, ma questo è un pensiero mio che non deve distrarre nella disamina dei fatti. Riepilogando:

1) Non c’è nessuna previsione su un terremoto a Roma il prossimo 11 Maggio 2011.

Queste previsioni non venivano fatte a caso, ma in base ad una teoria sviluppata dal Bendandi stesso, di cui ora ci occupiamo.

Secondo tale teoria, la posizione di Sole, Luna e altri pianeti ha un effetto sulla crosta terrestre, portandola in tensione e quindi scatenando i terremoti.

Ora, si deve tutto il rispetto ad una persona che non ha studiato, ma questa è una stupidaggine, tipica di chi non ha appunto studiato.

Il motivo è nei fatti molto semplice: la forza di gravità esercitata da un corpo su un altro dipende dalla massa dei corpi (e i pianeti ne hanno di massa!) ma diminuisce in modo quadratico con la distanza: ad una distanza doppia, vale un quarto, ad una distanza decupla vale un centesimo.

Ora, tralasciando per un attimo Sole e Luna (ci torno dopo) tutti gli altri pianeti del sistema solare sono troppo, troppo, troppo lontani per poter avere un qualsiasi effetto misurabile sulla Terra da qualsiasi cosa che non sia uno strumento di altissima precisione: ad occhio e croce, l’effetto che ha Giove su ciascuno di voi è molto minore dell’effetto che ho io, con il mio corpo e la mia massa,  sul vostro corpo e la vostra massa: la mia massa genera un po’ di gravità (poca) ma sono tanto più vicino a voi da avere un effetto maggiore: e credo che nessuno voglia accusarmi di aver causato qualche terremoto semplicemente spostandomi. Anzi stasera la mangio la carne? Che se poi aumento di massa, non è che altero il campo gravitazionale terrestre? Ricapitolando:

2) I pianeti del Sistema Solare non possono generare una forza di gravità significativa tale da essere evidente addirittura in senso geografico.

Quanto al Sole, questo ha un certo effetto gravitazionale sulla Terra, ma non vi sfuggirà che la Terra gira intorno al Sole, e le variazioni di gravità che si possono definire, oltre a variare proprio per la rotazione, non sono certo significative: oppure vi risulta che la sera, quando dormite, pesate di meno (non parlo di ciccia che avete, parlo proprio di peso!) e la mattina, quando c’è il Sole, pesate di più?

Noterete, infatti, che la gravità che c’è sulla Terra è causata dalla Terra stessa, non dal Sole, prova ne sia che se vi spostate sulla Luna, che in termini di distanza dal Sole è messa praticamente come la Terra, lì pesereste molto di meno, perché quasi l’unica gravità presente sarebbe quella lunare. Ricapitolando:

3) La quasi totalità degli effetti di gravità presenti sulla Terra sono dovuti alla Terra stessa.

Rimane la questione della Luna, che in effetti causa delle maree e quindi un effetto sulla Terra ce l’ha: non vi sfuggirà che le maree sono cicliche, e che a nessuno sia mai venuto in mente (o meglio, gli sarà venuto in mente ma le verifiche hanno avuto esito negativo) di mettere in correlazione le fasi lunari con i terremoti.

4) La Luna causa delle maree in modo ciclico, e nient’altro.

Si potrebbero aggiungere almeno altre due argomentazioni alla confutazione di questa simil-teoria: la prima è che ci sono stati, in passato, allineamenti dei pianeti del Sistema Solare, che quindi avrebbero dovuto produrre dei cataclismi che fortunatamente non si sono verificati; la seconda, che la quantità di energia che viene sprigionata da un terremoto (l’ultimo ha spostato il Giappone di alcuni metri) è talmente elevata che non può essere ottenuta dalla forza di gravità di un pianeta: forza che, per avere effetto, dovrebbe peraltro essere concentrata su un punto, mentre sia il supposto pianeta che la Terra continuano a girare per i fatti loro, non consentendo di esercitare una forza in modo costante.

Quindi, uno può credere a quello che vuole, riguardo l’11 Maggio 2011: ma questa teoria del  Bendandi è incongrua e inapplicabile. L’11 Maggio ci può essere un terremoto nella Capitale, come in qualsiasi altro giorno dell’anno: se uno vuole, nel dubbio, cogliere l’occasione di ricordare che viviamo in un’epoca oscurantista, si accomodi. Bendandi almeno aveva la scusante di non aver potuto studiare.

Annunci

Pubblicato il 30 marzo 2011, in Fatti nostri con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 7 commenti.

  1. E’ una psicosi!
    Noi andremo al lavoro come in qualsiasi altro giorno, ma temo saremo in pochi!
    Si prevedono malattie di massa! :-)

    • L’unica cosa buona potrebbe essere il minor traffico. Per il resto si prevedono, anzi si stanno già sperimentando, prolassi testicolari acuti quando devi spiegare che no, non è un complotto degli Scienziati Che Sanno Ma Tacciono Perché Facenti Parte Della Cospirazione.

  2. Toh apprendo da questo post che lì nella capitale state uscendo pazzi: SPQR si dice, no? :-)
    Vorrei far notare che il mio arrivo nella capitale è fissato sì per l’11 ma di giugno. Dite ai concittadini che hanno un mese in più.
    Comunque vorrei ricordare due cose: 1. l’origine endogena dei sismi; 2. mi sono ricordato che l’argomento Marea Terrestre non mi era nuovo, già ai miei tempi all’Università se ne accennava, e prima di scatenare altre pisssicosi aggiungo che la earth tide era presentata come argomento oggetto di studio per comprendere quanto potevano derivare, da cause esogene, alcuni fenomeni limitati: http://en.wikipedia.org/wiki/Earth_tide

  3. “Le previsioni di un terremoto a Roma l’1 Maggio 2011”.
    Queste le faccio io (leggete il titolo modificato e convenite con me).

    • Aaahh, ma io pensavo una cosa tipo una grande protesta di piazza nel giorno della Festa del Lavoro contro la precarietà, con gruppi di giovani che danno vita alla rivoluzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: