Cogli la differenza

Le scale che portano a casa mia, e quelle che portano invece a casa del mio ragazzo, hanno molte differenze.

Sono differenze che nascono sopratutto dall’essere state costruite a due secoli e mezzo di distanza. Quelle del mio palazzo sono scale antiche, in piperno, con i soffitti a botte alti quattro e più metri, dei corrimani da ambo i lati, e sono tutte diverse. Piano per piano, non ci sono mai due piani uguali, perché in ognuno si affacciano porte diverse, diversamente disposte, che portano ad appartamenti tutti diversi. Al primo piano, c’è poi una scaletta che si dirama per andare ad un appartamento costruito di lato, che si affaccia e si appollaia sul cortile interno, poi al secondo piano le scale più antiche lasciano spazio a quelle un po’ più moderne, che sono infatti più ripide e meno lise. In tutto questo, ogni metro di queste scale rappresenta stratificazioni, interventi, modifiche e correzioni apportate da appunto duecento e passa anni. Sono scale che hanno digerito tutto, hanno retto a più terremoti e ai bombardamenti, insomma sono fatte per durare.

Le scale che portano a casa del mio ragazzo sono invece scale moderne. Hanno una bella ringhiera da un solo lato, sono ben pulite e fatte di quel marmo lucido che si pulisce facilmente, larghe quanto basta per farci passare una persona, e gelosamente custodite dai condomini. Sono proprio le scale che potete immaginare di trovare in ogni casa e in ogni palazzo.

Ma la differenza vera, profonda ed autentica tra tutte queste scale, è una cosa che potete trovare a Napoli e da qualche altra parte, e che sfugge al calpestatore distratto.

Ogni rampa delle scale “nuove” è fatta di 10 gradini, del resto abbiamo una base decimale.

Ogni rampa delle scale “vecchie”, è fatta da 13 gradini.

Annunci

Pubblicato il 19 marzo 2013, in Fatti miei con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. Per salire da me son 12 + 10. E qui uno potrebbe immaginare che allora casa mia non è né vecchia né nuova. Infatti.
    Però l’elemento che individuo quale più interessante è che, proseguendo ci sono altre due rampe. Partendo dal piano terra e arrivando fin su in cima sono quindi 12 + 10 + 10 + 10 = 42. Epicwin!!! ;-)

  2. Deve esserci un motivo, chissà se qualche architetto lo sa… Io amo le rampe di 13 gradini della mia vecchia casa del 1913. Ciao

  3. Effettivamente per Napoli antica ci sono tanti di quei palazzoni (piu’ o meno tenuti) con delle rampe di scale bellissime. A volte si possono notare quando il portone-one del detto palazzo viene aperto. A volte mi ci avventuro X-P

    OT
    Il tema del Napoli Comicon/Gamecon e’ proprio l’architettura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: