Milena Gabanelli for President

Se il PD fosse un partito di sinistra, se fosse un partito contro gli sprechi, se fosse un partito che vede alla parte migliore della società italiana con cui rispettosamente dialoga, se fosse l’erede di quei comunisti e della loro superiorità morale, se fosse in grado di andare ben oltre i proclami di bandiera sulla diversità, se non temesse le indagini su Penati e Tedesco, se fosse pronto a sfidare il rinnovamento, allora il PD voterebbe in massa Milena Gabanelli presidente della Repubblica. Poi, agli inevitabili strilli di Berlusconi, farebbe semplicemente spallucce, perché lo avrebbe consegnato alla storia, visto che se si andasse poi alle elezioni il PD prenderebbe almeno il 40% dei voti. E anzi correrebbe il rischio di fare il governo con il M5S.

Invece, il PD voterà Amato, un uomo che, come dice chi lo conosce bene, ha un buco al posto del cuore. Lo farà (o lo farà votando qualcun altro) solo per perpetuare il proprio gruppo dirigente. E il risultato è che verranno, giustamente, distrutti.

Annunci

Pubblicato il 16 aprile 2013, in Fatti nostri con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: