Mamme

Qualche giorno R., il mio compagno, ha avuto un po’ di febbre.

Questa è stata una telefonata tra me e mia madre:

Io: Ciao mamma
Mamma: Ciao.
Io: Come stai?
Mamma. Bene. E R. come sta?

 

Madre snaturata. Che non si preoccupa delle condizioni del figlio e subito chiede di R. Che per carità, sono contento, ma mi sarebbe piaciuto che avesse dedicato un attimo al sangue del suo sangue. E se ce l’avevo pure io la febbre? E nessuno mi chiede come sto?

 

(Comunque, il titolo è dovuto al fatto che le due mamme, la mia e quella di R., si sono conosciute a Natale. Se noi due eravamo più titubanti e avevamo deciso di non proporre che si vedessero, le due invece hanno ciascuno detto al proprio figlio che era una buona cosa (in particolare è stata la madre di R. ad invitare mia madre, che per il Natale era venuta qui a Napoli). Così si sono conosciute, e ad un certo punto della giornata si sono appartate e hanno cominciato a chiacchierare fitto fitto tra di loro. Noi figli ci interroghiamo su cosa si siano dette, ma come si dice in questi casi il riserbo è assoluto).

 

(Però, che mamme ganze che abbiamo!)

Annunci

Pubblicato il 20 gennaio 2014, in Fatti miei con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Le consuocere parlottano, un brivido corre lungo la schiena.

    (Non so dirti quanto sia felice. Per te, e pure per lui, che si trova te.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: