La notte d’arte del Centro antico di Napoli: una cosa proprio brutta

Ieri c’è stata la notte bianca del Centro antico di Napoli (che non è il centro storico sotto un altro nome, sono proprio due aree diverse: il Centro storico è la zona dei Quartieri Spagnoli, risale al XVI secolo, mentre il Centro antico è la zona dei decumani, e risale a circa il V secolo A.C. Quando vedete i presepi di San Gregorio Armeno, state vedendo il Centro antico).

Questo è stato il programma, che mi ha sommamente indispettito.

Non c’è niente, ma dico niente, che abbia qualcosa a che fare con l’arte e con la sua valorizzazione. Le chiese e i musei aperti sono strutture che sono sempre e già aperte. Le poche visite guidate sono quelle che già si fanno ogni normale Sabato. Non c’è una tra le chiese del Centro antico che sono di solito chiuse o difficilmente visitabili che sia stata aperta per l’occasione. C’è solo molto desiderio di fare soldi con i gonzi, per cui viene aperta S. Chiara ma non certo il chiostro (grazie al cazzo, quello se lo vuoi vedere lo paghi) e la Cappella S. Severo non è certo visitabile gratis, ma solo con lo sconto (grazie due). Poi per il resto la mmmusica perché la ggggente vuole sentire la mmmusica e poi deve mangiare con il cibo da strada, perché ovviamente al Centro antico di Napoli non esiste il cibo da strada, è una cosa inventata per l’occasione.

Cortesemente, andate affanculo. Voi e quelli che si sono infilati in questa ignobile calca (per i napoletani: ho visto foto sotto S. Chiara dove c’era la stessa quantità di gente a S. Gregorio Armeno l’otto Dicembre).

Ripeto, affanculo. Non vi meritate questa città, non vi meritate le sue bellezze, avete una idea disgustosa di cosa sia l’arte e la cultura, un modo per vendere paccottiglia cinese e cibi di qualità scadente a delle sacche ambulanti (non esseri umani) che avranno camminato in mezzo alla folla senza capire dove erano, cosa stavano vedendo e quale era la storia dei posti in cui eravate. State in una zona in cui ogni sasso e ogni pietra raccontano secoli di storia e siete in grado di andarla a vedere quando c’è la Notte Bianca, perché c’è la mmmusica.

Sapete che vi dico? Che se poi ci scappa la sparatoria, è giusto che sia così, in fondo siete popolo bue e andate trattati da animali, quando ce ne sono troppi bisogna fare la razzolata.

Pubblicato il 14 dicembre 2014, in Fatti nostri con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 5 commenti.

  1. Non sono d’accordo sulla distinzione tra centro storico e centro antico. Esiste solo il centro storico. “Centro antico” è una definizione alternativa della stessa zona, che però è incorretta. I Quartieri spagnoli sono i Quartieri spagnoli, anzi per i veri napoletani sono semplicemente i Quartieri, e nessuno dei Quartieri direbbe “abito nel centro antico”, ma “ncoppa ‘e quartieri”. Per il resto sono d’accordo con tutto, e mi unisco con forza al vaffanculo.

    • La distinzione sarà incorretta, però è funzionale a distinguere due zone che sono molto diverse tra di loro. Non mi dire che se ti propongo di vederci al centro e ti aspetto a Vico Lungo Teatro Nuovo, tu te lo immagini e ti senti a tuo agio come se ti dico di vederci a S. Biagio dei Librai.

  2. Le zone si distinguono benissimo coi loro nomi corretti: Centro storico e Quartieri spagnoli :)

  3. Ah, ma tu dici la collina di Pizzofalcone, dove fu fondata la primissima colonia greca Partenope. Non c’entra molto coi quartieri spagnoli. Chiamala come ti pare: Pizzofalcone, Monte di Dio, ‘O Pallunetto ‘e Santa Lucia, ma “centro antico” proprio no, o almeno solo per definirlo come luogo dove Napoli fu fondata, ma non per definirlo geograficamente e toponomasticamente nella Napoli attuale. Ripeto, e su questo non transigo: un “centro antico” a Napoli non esiste, chi dice di abitare o recarsi “nel centro antico” (e succede troppo spesso) sta definendo in maniera distorta il centro storico.
    A proposito: l’affidabilità di Wikipedia sulla correttezza di queste voci è pari a zero. Ci feci anche un post al riguardo, anni fa: https://totentanz.wordpress.com/2012/05/09/wikicrazia/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: