Alfano va dimesso e subito

Il 24 Ottobre scorso scrivevo, sull’idea di Alfano di mandare avanti il Prefetto di Roma nell’annullamento della trascrizione dei matrimoni omosessuali contratti all’estero:

Ovviamente, il Prefetto potrebbe sempre disporre l’annullamento d’ufficio delle trascrizioni, in quanto massima autorità del Governo sul territorio, ma in questo caso sarebbe esposto ad un ricorso al TAR che, poco ma sicuro, non negherebbe una sospensiva, sputtanando il Prefetto ed aprendo una frattura che il Prefetto, persona certamente capace e prudente, non vuole correre il rischio che si attui.

Bene, cosa è successo oggi? Che il TAR ha annullato l’atto del Prefetto; esattamente come avevo previsto io e con i risultati che immaginavo io, ovvero che il Prefetto viene sbugiardato dal TAR per colpa del suo ministro. Anzi, il TAR è andato giù pesante, dicendo che spetta ai giudici annullare gli atti, nel caso, non al Ministero dell’Interno che non è evidentemente competente a valutare la congruità delle unioni affettive degli italiani.

Non è possibile pensare che Alfano rimanga ministro dell’Interno un minuto di più. Non solo perché viene sbugiardato dalla giustizia italiana che gli ha dato, in buona sostanza, del bullo che non sa ragionare oltre il proprio naso, ma perché e sopratutto la frattura che si è venuta a creare nel tempo tra il ministro e la sua burocrazia, alimentata da episodi come questo e da tanti altri in cui i funzionari sono mandati allo sbaraglio, impedisce al Ministero dell’Interno di svolgere le proprie fondamentali funzioni di tutela dell’ordine pubblico, come si è visto negli atti di teppismo degli hooligan olandesi, che sono stati lasciati di scorrazzare per Roma perché Questore e Prefetto si sono ben guardati dal fare più del niente che era stato chiesto loro di fare.

Alfano deve essere rimosso dalla carica di Ministro dell’Interno, per il bene e la tutela del supremo interesse nazionale. Il Presidente Mattarella deve compiere tutti i passi necessari a tal fine, con la massima urgenza, per evitare che la evidente sfiducia delle forze dell’ordine verso il loro Ministro possa causare problemi seri e gravi.

Pubblicato il 9 marzo 2015, in Fatti nostri, gay con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Assoutamente d’accordo. Prima che combini qualcosa di irreparabile. Oddio… mi è passata per la testa una possibilità…forse ci ripenso… :-)

  2. in tema di diritti, piuttosto che delle cose che combina Alfano, io mi preoccuperei per quelle che non fa Renzi (e il resto del PD con lui)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: