La vittoria di Renzi e la mazzata dei Cinque Stelle

La verità rimane quella di due e più anni a questa parte, ovvero che Renzi è il più furbo e più scaltro sulla scena politica italiana e gli altri cascano continuamente nelle trappole che egli confeziona loro.

Con un referendum che viene in un momento di oggettiva debolezza del governo, con un ministro dimessosi in quanto “sguattera del Guatemala” di un imprenditore intrallazzatore, con una economia che non cresce come dovrebbe, con una personalizzazione eccessiva ad opera anche dello stesso Renzi, alla fine è stato comunque un trionfo per il governo e per il Presidente del Consiglio.

Dovrebbe far pensare molto quel 29% che ha detto sì al quesito (sul 32% dei votanti). Perché sono gli stessi votanti, anzi un po’ di meno, del Movimento Cinque Stelle. A cui si sarebbero dovuti aggiungere i voti della minoranza PD (che quattro mesi fa era a favore della norma che oggi voleva abrogare, ma si sa che la politica non è sempre fatta per la coerenza), quelli della Lega, di Forza Italia, insomma quel 29% si sarebbe dovuto almeno raddoppiare.

Invece è rimasto lì, con la livida rabbia di chi ancora nella giornata di ieri annunciava che il quorum era a portata di mano, chi invitava a votare Sì anche se non avevamo capito di cosa si trattasse, e poi trivellopoli e poi sì all’energie rinnovabili e sì sì, qualsiasi cosa nella grancassa della propaganda.

Invece, 29%.

Nel 1974, al referendum sul divorzio, andò a votare quasi il 90% degli aventi diritto e il 60% si espresse a favore del mantenimento dell’istituto. Per la sua abolizione c’erano schierati la DC, sopratutto per via del suo segretario Fanfani, e i fascisti del MSI.

A votare Sì furono quindi gli elettori di tutti gli altri partiti ma, va detto, che un fulcro di quel Sì venne dato dai radicali (che, infatti, alle successive elezioni politiche arrivarono al 3,5% dei voti). I radicali erano un partito di forse l’1% dei voti, ma riuscirono a farsi interpreti, veicolo e focalizzatori di un cambiamento della società italiana.

Questo è quello che deve fare un partito, essere un interprete dei cambiamenti e istituzionalizzarli, per farli diventare agito politico prima e vissuto quotidiano delle persone poi.

Il M5S ha il 28% dei voti e porta a votare nemmeno i suoi elettori. L’inutilità di questo partito sta tutta qui, nel suo fallimento comunicativo, nell’aver assemblato un fronte non eterogeneo ma casuale di tutto quello che si poteva raccattare per un quesito comunque irrilevante (hanno vinto i Sì, non succederà niente; avessero vinto i No, non sarebbe successo niente lo stesso) e, ancora più gravemente, nell’aver subito preso la rincorsa quando il torero Renzi ha agitato il drappo rosso della personalizzazione del referendum. I Cinque Stelle, per l’ennesima volta, hanno fatto la fine del toro nella corrida e ora sono tutti pieni di rabbia livida, e gli italiani non ci hanno capiti, e la lobby dei petrolieri, e che paese in cui viviamo.

Dimenticano che è lo stesso paese che nel 2011 si espresse sull’acqua pubblica, in tutt’altro referendum che aveva tutt’altro sapore ed importanza, che incideva (o meglio, che doveva incidere) sulla vita delle persone e che infatti ebbe un seguito popolare.

Adesso, a parte le elezioni amministrative (in cui Renzi potrebbe anche solo vincere a Milano per pareggiare, perchè certo a Roma e Napoli la vedo molto dura) il tema è quello del referendum sulla riforma della Costituzione da tenersi ad Ottobre prossimo.

Finora, per quello che ho letto della riforma, tutto ho visto tranne che una riforma che ci porterà verso qualche pericolosa dittatura; anzi, casomai si potrebbe obiettare che con questa riforma la maggioranza diventa ostaggio della minoranza, visto che il quorum per eleggere il Presidente della Repubblica si alza e che nei referendum può essere sufficiente, invece, un quorum più basso per renderli validi.

Essì, c’è anche questa bella perla di democrazia che credo mandi in bestia i vari grillini, peraltro ora alle prese con il passaggio di proprietà del partito da Casaleggio senior a Casaleggio junior (e nessuno che dice niente al riguardo, roba da matti).

Con la riforma Boschi, un referendum sostenuto da almeno 800mila cittadini non ha bisogno di più della metà degli iscritti al voto per essere valido, ma si accontenta della metà dei votanti alle precedenti politiche.

Poiché alle Politiche 2013 ha votato circa il 78% degli aventi diritto, ieri sarebbe bastato il 39%. Ci siamo fermati a 32%, quindi stavamo comunque fuori, ma probabilmente se fosse stata in vigore questa norma molti altri sarebbero andati a votare e lo stesso PD non avrebbe dato indicazioni d’astensione, perché il quorum sarebbe stato molto più facilmente raggiungibile.

Ora, se i Cinque Stelle sapessero fare politica, da qui ad Ottobre comincerebbero a chiedere alla maggioranza di fare insieme delle leggi di rafforzamento dell’etica pubblica, perché è evidente che non è una Costituzione o un’altra che induce comportamenti virtuosi nei partiti, ma un quadro politico, sociale e culturale che trova compimento in numerose leggi accessorie.

Si potrebbero fare leggi sulla democrazia interna dei partiti, sul finanziamento, sulla lotta alla corruzione e l’elenco può proseguire. I Cinque Stelle potrebbero chiedere alla maggioranza di fare queste leggi e, nel caso dicesse di no, avrebbero un buon strumento per invitare a votare No alla riforma costituzionale. Oppure, potrebbero anche ottenere qualcosa, a beneficio di tutti. Facendo, appunto, il dovere di un partito politico.

Certo, questo dovevano cominciare a farlo un anno e più fa, invece si sono baloccati nell’idea puerile della spallata e ora sono in difficoltà. Ma è abbastanza evidente dal referendum di ieri che quello sulla Costituzione di Ottobre, se la polemica politica rimane a questi livelli, passa.

Quindi, a meno che non escano cose terribili sul PD e sul governo da qui ad Ottobre, sarebbe il caso che le opposizioni facessero le opposizioni. Poi, se vogliono continuare a fare come ha fatto ieri Emiliano, che ha detto che è stata una grande vittoria, facciano caso al colore del drappo che Renzi sta sventolando: è proprio rosso.

 

Pubblicato il 18 aprile 2016, in gay con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: