Contro tutti i fascisti, nuovi e vecchi, compresi quelli dell’ANPI

Nella serie TV Marvel’s Agents of S.h.i.e.l.d. i buoni, lo S.h.i.e.l.d., vengono infiltrati dai cattivi, l’Hydra, cosa che quasi li distrugge e ne mette in dubbio la affidabilità. E’ quello che succede con l’ANPI.

Le vicende degli ultimi giorni richiedono a noi, sinceri democratici antifascisti, di farci delle domande sull’ANPI. Primo episodio, l’ANPI di Latina marcia insieme a Forza Nuova in un corteo contro la riforma costituzionale di Renzi. A giustificazione di questo, secondo episodio, il locale presidente dell’ANPI si sente di dover dire che “Renzi è il nuovo duce”. Terzo, alla senatrice Laura Puppato del PD, che tutti ricordiamo alle primarie di alcuni anni fa come una persona con delle idee di sinistra nemmeno troppo moderate, viene negata la tessera dell’ANPI con la motivazione che “è per il sì al referendum”.

Purtroppo, va detto, l’ANPI non è più quello che poteva essere e che, peraltro, ben poco è stata. Oggi è una associazione i cui dirigenti storici, per evidenti motivi, sono ultranovantenni e quindi, sia detto con tutto il rispetto, non in grado di capire il mondo moderno.

E’ grave che questi dirigenti decidano di marciare insieme a Forza Nuova, partito strutturalmente fascista, dandogli quella legittimazione che disperatamente cercano. Posso immaginare, nei tempi a venire, come Forza Nuova proverà ad accreditarsi come un movimento legittimo, alla fine pure l’ANPI marcia con loro. E’ ancora più grave che un dirigente dell’ANPI parli di Renzi come di un nuovo Duce, perché questo significa diluire e immunizzare gli italiani a questi paragoni, mentre il ruolo dell’ANPI dovrebbe essere quello di preservare una memoria che, se viene messa a disposizione del gioco politico, diventerà una merce politica. Poi, il giorno che arriverà un nuovo Duce, gli italiani faranno spallucce, tanto abbiamo già avuto Berlusconi e Renzi, erano considerati dei duci dall’ANPI e nulla è successo, che vuoi che sia con la terza incarnazione.

E’ ancora più grave che l’ANPI rifiuti l’iscrizione ad una persona di sinistra, un esponente perbene di un partito in cui ci sono tanti onesti, che combatte con onestà una battaglia di rinnovamento. E’ gravissimo, anzi, perché l’ANPI dovrebbe ricordarsi quegli articoli della Costituzione che parlano del diritto dei cittadini di avere le proprie idee, di informarsi, di partecipare alla vita pubblica.

Sì, i diritti della Costituzione. Per cui l’ANPI non ha fatto, negli anni e decenni passati, quelle battaglie che avrebbe potuto fare. Io non me li ricordo, gli arzilli vecchietti di oggi, venti trenta o quarant’anni fa a marciare contro la partitocrazia, contro la corruzione, contro il debito pubblico, cioè contro quelle cose che la Costituzione se la sono mangiata da dentro, portandoci alla situazione attuale da cui, comunque sia, è difficilissimo uscire.

L’ANPI era, per i partiti, un simpatico orpello da esibire tra i soprammobili, a cui dare una spolverata il 25 di Aprile. L’ANPI era contenta di farsi strumentalizzare così, facevano una bella tavola rotonda sulla Resistenza, e mai che l’ANPI avesse detto ai seguaci di Craxi o di Andreotti “NO, voi non vi potete iscrivere perché rubate”.

Invece, l’ANPI trova l’energia di dire “NO” alla senatrice Puppato. Per le sue idee.

Questo, questo sì, è il fascismo, inteso come l’idea totalizzante ed irriducibile che gli altri, comunque, devono pensarla come me. A questa gente, con serenità e con tutto il rispetto data la loro età, dico basta, ora statevene a casa con i vostri nipotini, tornate a fare la sfilata il 25 Aprile come sempre avete fatto e lasciateci trovare il modo di uscire dal guaio in cui anche voi, nei decenni passati, ci avete cacciato.

Pubblicato il 11 novembre 2016, in Fatti nostri con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: