Archivi categoria: Preferisco ridere

Comportamenti reali e virtuali

Video molto divertente che mostra come i comportamenti che sembrano così tipici in una chat gay sarebbero da classificare come deviati nella vita reale.

 

“Sposati e sii sottomessa”. Seriously.

Credo che sulle Sentinelle in Piedi, tutto sia scritto in questo splendido articolo sull’Espresso, che narra le gesta e le idee di tale Costanza Miriano, autrice di un imperdibile libro “Sposati e sii sottomessa”.

Veramente, esaltante, nel senso che ti procura quella stessa sensazione di una colichetta: occorre fare una scoreggina e poi andare avanti, beandosi del cessato fastidio.

Recensione: “Le week-end”

Mentre mi scervellavo per provare a spiegare quanto è brutto Le Week-end, sono entrato in possesso di una trascrizione della conversazione tra due dei produttori, che spiega come sono andate le cose (o come sarebbero potute andare):

Produttore 1: Ao’, dovemo fa’ ‘n film?
Produttore 2: Sicuro? E che tipo de firm dovremmo da fà?
Produttore 1: Io pensavo a ‘na commedia…
Produttore 2: Fico!
Produttore 1: …romantica…
Produttore 2: Fico!
Produttore 1: …però co’ quarche idea originale…
Produttore 2: Fico!
Produttore 1: …tipo…nun so…tu che idea c’avrebbe?
Produttore 2: …
Produttore 1: …
Produttore 1:…ho capito, ce devo pensà da me…
Produttore 2: Fico!
Produttore 1: Allora farei ‘na commedia co du’ che vanno a Parigi…
Produttore 2: Parigi è sempre romantica
Produttore 1: Bravo! Bella battuta! Semo già passati alla sceneggiatura?
Produttore 2: Ma sì…io ce la metterei ad un certo punto così a gente penza: “Ammazza ao’, sto a vedè un firm pe’ davero che è girato a Pariggi”
Produttore 1: Però famo quarcosa de diverzo…pe’ differenziasse…
Produttore 2: Tipo?
Produttore 1: Che ce mannamo ‘na coppia de mezza età
Produttore 2: Bene…trovamo du’ attori economici che ce costeno de meno
Produttore 1: Fico! Poi famo che… pe’ ditte… c’hanno ‘na certa stanchezza…
Produttore 2: Tipo quando te magni lì rigatoni co la’ pajata?
Produttore 1: No… più esistenziale… Però me piace l’idea che questi magneno ‘nsacco de cose bbone, a Pariggi, e ne parlemo durante il film
Produttore 2: Poi che succede?
Produttore 1: Che nun pagheno e scappeno! Almeno essimo fatto pure l’intermezzo comico!
Produttore 2: Me piace… già me fa ride… ma poi senti, famo pure che nun pagheno altro, tipo l’albergo…
Produttore 1: Giusto. Così anzi manco dovemo spiegà sur serio perché vanno in un arbergo che nun se ponno permette
Produttore 2: Me pare che la sceneggiatura già ce sta… Ma ce volemo mette quarche artra idea?
Produttore 1: Fammè pensà… ma mo’ ar volo te la devo dì?
Produttore 2: Sforzate…
Produttore 1: Allora potemo fa che intanto loro so’ inglesi… poi so’ un po’ sfigati… poi che trovano un vecchio amico de lui che ha fatto lì sordi…
Produttore 2: C’hai già in mente uno che po’ fà il ruolo dell’amico?
Produttore 1: Pensavo… sì so’ inglesi, ce mettemo un americano, che così fa contrasto
Produttore 2: Fico!
Produttore 1: Poi magari, pe’ la sceneggiatura, pensamo a quarche battuta che nun se capisce, che pare che è profonda ma che nun vordì un cazzo
Produttore 2: Tipo? Che quanno parli così complicato me ce perdo
Produttore 1: Pe’ ditte… Lei dà ‘no schiaffo a lui pe’ sbaglio, e poi pe’ fasse perdonà lui je dice “Famme vede le tette”…
Produttore 2: Così ce mettemo pure la parola tette
Produttore 1: Bravo. Anzi così la gente pensa che ce sta’ ‘nsignificato ner firm, invece so solo du parole
Produttore 2: E poi? Ce mettemo un po’ de sentimenti?
Produttore 1: Sì, ma sempre a risparmià… Cioè mica se potemo permette Aaronsorkine e giossvedon, quelli sì che sannò fa le battute…
Produttore 2: Noi dovemo pensà a quarche idea forte…
Produttore 1: Tipo che lei dice che l’amore è un’assurdità… la buttamo là in mezzo ar firm, poi lui se la guarda e fa finta de gnente, così la gente se domanda qualche che po’ da esse er senso der firm
Produttore 2: Senti, me’ pare che c’hai grandi idee… ma dimme un po’, de regista?
Produttore 1: Pensavo quello de nottinghill, che così fa scena
Produttore 2: Sarà un successone de firm… C’avemo nà bella idea, a sceneggiatura è praticamente scritta, er regista individduato, che ce manca pe’ fa’ ‘n capolavoro?
Produttore 1: Pe ‘r titolo?
Produttore 2: Pensavo de mettece ‘na parola de francese e una de inglese, così colpimo er pubblico
Produttore 1: Bravo, te sei guadagnato ‘a giornata. Mo’ annamo, che quei rigatoni co ‘a pajata ce ‘spettemo pe’ davvero.

Mi hanno imparato a scrivere /36

cerco maschio top per prima volta
fatevi avanti con le offerte
rispondo solo a messaggi con ciao+foto fisico+foto cazzo+proposta
tra 15 giorni l’esito finale

 

(Quindi, non bisogna dirgli niente di diverso da “ciao”. Secondo, bisogna fargli una proposta, cioè tipo che tu lo paghi per sverginarlo, e uno può chiedersi sia quanto sia plausibile che lo sia, sia quanto sia cesso nel caso lo sia. Poi, ci sono ben 15 giorni per l’asta, cosa che si può intendere anche nel senso di “auction”)

 

Mi hanno imparato a scrivere /35

quarantenne biologicamente in piena eta’ riproduttiva cerca maschi suoi coetani o’ piu maturi nelle medesime condizioni

(Cosa avrà voluto dire? Che lui anche se ha quarant’anni ancora gode di una splendida erezione, e siccome si sente tanto vecchio è un po’ sorpreso di questo e vuole condividere lo stupore con noi, tipo che temeva che all’arrivo dei quarant’anni si svegliava la mattina e sul dindolo ci trovava un cartello con su scritto “Chiuso per cessata attività”?? Oppure ha conosciuto un tipo, uno di quelli fighi, proprio bono, che poi al dunque avendo ben quarant’anni non aveva più l’alzabandiera?)

(Le precedenti puntate sono qui)

Mi hanno imparato a scrivere (special edition) /34

(premessa: perché scrivere un profilo su un sito di annunci solo in italiano? Poi ti capita il bonazzo inglese e non ti contatta – e si noti già il livello di egocentrismo – quindi scriviamolo pure in inglese. Non sai l’inglese? Ma c’è Google translate, un segreto che evidentemente pochi conoscono – appunto l’egocentrismo. Poi, voglio dire, il testo merita certo di essere letto in più lingue, tanto è profondo).

Hello, I hope to be as explicit as possible to make clear what I looking for and what not.
So avoid to falling from the clouds when you write, you will read at least the first three lines and we hurry all soon :)
First of all I’m looking for “male” and not “masculine”, i’m not looking for a lesbian! A man is “man” for antonomasia. Perhaps lesbians can have the characteristic of being “masculine”, but being male is a fact and not a feature.
I am looking for guys who heal his body, no to sofas and lampshades. These are my tastes for everything else there’s Ikea. Then even if you have a big dick that’s a bonus:)
If you’re the kind of guy who writes in his profile is not into sex, do not contact me! Especially if you have photos of the abdominal, butt, chest, or suspected of such.
If you haven’t pics in your profile for any reason, attach easily as private, think a little ‘this site also offers this possibility:) Therefore if you have no picture at all by your free choice to not show yourself, and my free choice to no answer you . Do not ask me to add skype, msn and derivatives without first seeing photos here. If you can use a computer you will know of the existence of digital camera. Then if you’re a ghost and maybe the lens can not catch you, so in this case I would see my points and seek a solution.
No photos with ski masks, diving suits, ski clothing, 19-inch sunglasses, or lady gaga’s slices of salami.
The more i can see you how you really are it’s better. I have no problem saying that are welcome pictures of cocks and asses:) I’m here for sex, i’m not so touchy, unless there is something to be really :p
No absolute drugs.
No to those who have a bad relationship with water , thinking about running the risk of turning from woman to man or vice versa, how did Ranma ½ seconds of hot or cold water :)
No to those that on the pictures of cock you say “I do not care about cock, i’m top.” The fact that you have no interest for cock is outside of characteristics of a top, but is a symptom of other past problems and God forbid.
I give in the ass just as well i take up in the ass, that’s great you are or just one or the other but know that you are coming with one who’s got a cock and then let do the math;)
All more or less embody the archetype of gay people who for some other excesses or less we’re all the same people; I simply prefer consistent and who don’t make so many problems.

Mi hanno imparato a scrivere /33

IO cerco sex amicizie e anche sesso di gruppo solo feticisti io amo molto giochi con piedi odorosi e sporchi con calzini e scarpe ed essere scopatosi a pissing, bondage, skate ecc……. P.S s qualcuno di voi ha problemi con la patente io potrei essere il vostro autista, con compenso ovviamente accessibile, sono disp anche a lunghi viaggi, disp ad accompagnare un vostro genitore ad una visita medica x qualsiasi cosa purche sia un veicolo con patente B e REFERENZIATO

(Immagino il dialogo, mentre la nonnina viene portata alla visita dal cardiologo: “E voi come avete conosciuto mio nipote?” – “Sapete, abbiamo fatto un’orgia di gruppo e vostro figlio mi ha pisciato addosso” – La nonnina muore sul colpo)

(E comunque, perché il genitore da accompagnare deve essere REFERENZIATO?)

E la cameriera secca…

Sono stato con un mio amico napoletano (adorabile persona) a svaccarmi qualche giorno nel Cilento. Abbiamo deciso giusto all’ultimo per questa breve vacanza (dalle parti di Marina di Camerota) e così abbiamo trovato solo un agriturismo disponibile nella settimana di Ferragosto, le sistemazioni sulla costa erano tutte occupate.

La cameriera di questo agriturismo è la copia, in quanto ad atteggiamenti e fisicità, della celeberrima (almeno per chi ha una certa età) “Cameriera secca dei signori Montagner”:

Questo personaggio ha esordito, al nostro arrivo, mentre discutevamo con il proprietario (che lei ha sempre chiamato, rispettosamente anzichenò, “il signore”, avete parlato con il signore? il signore mi ha detto di darvi le chiavi),  tutti presi da un problema con la prenotazione, con un “scusate, cerco un bastone”, proprio out of the blue nel senso che è entrata nell’ufficio e ha esordito così, manco buongiorno e buonasera, peggio davanti a dei clienti che erano ancora potenziali clienti, tanto che quando se ne è andata (presumibilmente alla ricerca del suddetto bastone) il proprietario ha mormorato “te lo darei in testa, un bastone”.

Sempre la suddetta ha fatto un altro pezzo il giorno successivo, quando scopriamo che la misera colazione sarebbe stata miserrima, perché erano finiti i cornetti. Una persona avvezza a gestire i turisti avrebbe detto qualcosa tipo che c’era stato un problema, che stavano provvedendo, insomma avrebbe temporeggiato. Costei invece, è passata subito ad un tono ieratico e patetico, con un “Che vergogna! Che vergogna!” (pensatelo detto dalla suddetta Cameriera secca dei signori Montagner) che sarebbe stato già sufficiente a riderle in faccia.

 Vabbè, giusto per inquadrare il personaggio, il bello deve ancora venire.

L’ultimo giorno stiamo preparando le nostre cose per andare via, io mi sono appena fatto la doccia e indosso dei boxer (è stata la nostra salvezza, diciamo) quando chiedo al mio amico di spalmarmi della crema doposole dietro la schiena, mi sono scottato e ho difficoltà a farlo da solo (altrimenti io riuscirei a coprirmi tutta la schiena, ho un braccio snodabile come pochi;  e poi il mio amico ha un tocco delizioso, che me ne sarei approfittato comunque).

Insomma, io mi metto a pancia in giù sul letto e il mio amico (pure lui bello grosso) mi sale in groppa (non saprei come altrimenti dire) e per fortuna che è vestito.

Comunque comincia a spalmare questa crema, io sono tutto una goduria per il sollievo che dà alla pelle bruciacchiata, quando chi entra? Ma la Cameriera secca dei signori Montagner! Che pensava che noi avessimo già lasciato la camera, per cui costei arriva, vede la scena e…

Cameriera:  “DIO MIO!!! DIO MIO!!!”

Io mi giro per quanto possibile, la vedo impietrita, temo il peggio tipo che le venga un infarto e le dico (intanto il mio amico mi sta sempre in groppa, con le mani a mezzaria): “No, guardi che mi sta a spalma’ la crema”

Cameriera: “AHAHAHAHAHAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHH”

E fugge via. Io e il mio amico cominciamo a ridere, tipo a crepapelle, non so come riusciamo a finire di spalmare il doposole prima e prendere i bagagli poi, ogni tanto piegati in due dalle risate, e la troviamo che si è messa seduta vicino alla nostra camera, e visibilmente boccheggia perché, dice, fa caldo e le è scesa la pressione.

Allora noi, che ci tratteniamo con fatica dallo sbottarle addosso, la salutiamo, le diamo le chiavi della camera, sì sì ci saluti tanto i suoi colleghi. Lei fredda e distaccata, un po’ terrorizzata, e noi che sghignazziamo.

Penso che se ci avesse fare il bagno all’una di notte in piscina, peggio poi nudi, l’avremmo avuta sulla coscienza.

Mi hanno imparato a scrivere /32

(Questa volta andiamo sul pesante, c’è di che rabbrividire)

Oramai mi aspetto di tutto… anche che il presidente della repubblica italiana autorizzi una condanna a morte verso la mia persona camuffata da suicidio. E vai con le paranoie e i deliri… dai, dai…

(In effetti è un buon modo di esordire: Ciao, mi chiamo Giovanni, lo sai che Napolitano vuole uccidermi?)

sono senza soldi e senza lavoro e se do la mia piena disponibilità a trasferirmi in qualsiasi parte del mondo per convivere, prima voglio conoscere fisicamente almeno per qualche giorno il mio partner, dopo conoscenza, frequentazione su internet / telefono, quindi mi dovrà sostenere per le spese di viaggio e ospitalità per stare qualche giorno insieme, oppure può venire qua a Racalmuto dove posso ospitare. All’inizio della convivenza mi dovrà mantenere fino a quando trovo un lavoro e impari una nuova lingua, parlo solo italiano

(C’è una certa positiva progettualità)

Comunque il mio delirio principale è di sostenere di essere stato indotto, preventivando degli outing verso dei bisessuali omofobi, a ritenere la mia persona/omosessualità movente dell’attacco terroristico dell’ 11 Settembre 2001 a New York, organizzato dal vaticano, proprio per farmi passare per folle non veritiero…

(Nooooooo, e così ti hanno impedito l’outing verso dei bisessuali omofobi? Mannaggia, ma che cattivi. Certo che, se questo è costato 3000 morti, dieci anni di guerre nel mondo, tre trilioni di dollari buoni, beh forse avranno speso un po’ troppo, ma almeno questo outing l’avranno evitato, cazzo).

Ho vissuto per 7 anni non continuativi a Milano, volevo divenire sindaco di Milano nel 2010 e mi hanno dato il foglio di via da Milano fino al 2013, città comunque dove non ritornerei più a vivere, quindi chi vive nel comune di Milano è escluso dalla possibilità di essere mio marito, e avevo anche proposto un colpo di stato armato e collocarmi come presidente del consiglio italiano nel 2007. Sono stato anche definito dalla magistratura di Milano socialmente pericoloso per quello che avevo scritto e dichiarato

(Strepitoso. Tu prima aspetta che uno si riprende dalla notizia che Napolitano vuole ucciderti, poi cala questo asso()

 mi avevano anche proibito di comunicare tramite internet nel 2010/2011, la pericolosità sociale ufficialmente e legalmente è terminata nel Giugno 2012

(Come avranno potuto, io ti avrei lasciato ad Internet libero)

 poiché credo che questo accanirsi omofobicamente contro la mia persona con false denunce non punite viene coperto dalle più alte cariche politiche nazionali. Mi vogliono morto parliamoci chiaro, ma non mi ammazzano direttamente perché confermerebbero, vogliono spingermi al suicidio, anche perché l’outing verso i bisessuali l’ho fatto.

(Sicuro, poi non so come si faccia questo outing verso i bisessuali, ma deve essere una cosa complicata assai)

Mi masturbo, anche se farei sesso ogni giorno, sono arci stuffo di sesso di una botta e via e non è più nelle corde della mia ricerca… tempo fa lo fù e ringrazio il destino che non sono rimasto sieropositivo, amando il bareback.

(Ecco, ci mancava una buona notizia, anzi ti dirò, non vedo l’ora di fare sesso bareback con te. Ma solo se Napolitano guarda. Insieme a dei bisessuali omofobi, ovvio. Tipo Arancia Meccanica)

 una volta un selezionatore per un posto di lavoro mi disse che tutti abbiamo un prezzo e se qualcuno ostinatamente vorrebbe solo portarmi a letto per una notte, sappiate che anch’io ho un prezzo, notevolmente elevato ma ho un prezzo, 10 mila euro, che va dalla sola toccata del pacco alla scopata completa.

(Così poco? Bello come sei. E intelligente. E quanto ti costerà poi la scorta contro il serial killer che siede al Quirinale, vuoi mettere?)

 

Mi hanno imparato a scrivere /31

NON DATE RETTA A QUEL COGLIONE CHE HA CREATO IL PROFILO “ATTENTIRAGAZZI” L’HO LASCIATO IN TANGENZIALE XKE’ USA FOTO DI ALTRI

 

(Io mi immagino l’incontro tra questi due, quello con la macchina arriva, comincia ad innervosirsi perché gli ha mandato delle foto non sue, però insomma quando l’ormone tira uno scende pure a compromessi, allora titubante e dubbioso se lo mette in macchina, cominciano a parlare – pagherei per sapere cosa si sono detti – cominciano a dirigersi nel loro nido d’ammmmore, e poi quello con la macchina sbrocca dopo l’ennesima risposta che non gli va a genio e lo fa scendere sulla tangenziale di Napoli, ci manca giusto Mario Merola)