Archivi Blog

Identikit

E’ un blogger molto famoso, nel suo genere. Influente.

Fa della scrittura il suo vanto.

Eppure dicono che scriva i suoi post di getto, e li spedisca agli amici perché li correggano.

E’ stato amore a prima vista

Quando ho visto il nuovo tema per WordPress, Mystique, ho subito capito che era lui.

Un po’ di blog

Alcune letture che vorrei condividere:

  • La Francigena contromano: Paolo si licenzia, parte da Terni e percorrendo la Via Francigena vuole arrivare, a fine Marzo 2010, a Cambridge, dove la sua ragazza si è trasferita per studiare. Qui siamo già pronti con i fazzoletti per quando arriverà;
  • Me parlare donna un giorno: tentativi di decodifica delle comunicazioni tra uomo e donna, ma ben adattabile anche al mondo gay;
  • Friday Prejudice: in teoria, parla di film che ancora devono uscire al cinema, ma in pratica sa bene di cosa parla;
  • MilleOrienti: Riflessioni di Marco Restelli sull’Asia, un blog documentato e piacevole, pieno zeppo di spunti;
  • Secondo Piano: giusto per smentire alcune idee su cosa sia una casa editrice, ma trovando il tutto molto divertente.

Per i posteri, direi

In mezzo a tutto questo io scrivo, come tanti, senza nessuna pretesa di fare lezioni di giornalismo. Non sono un giornalista: ma non è necessario essere calciatori professionisti per accorgersi che a centrocampo fanno melina. Non scrivo per farmi passare la rabbia (che non passa, anzi); piuttosto con una presunzione di testimonianza: chi verrà dopo di noi non dovrà pensare che eravamo tutti prostrati come Vespa, arresi come De Bortoli. C’era gente normale, con una famiglia e un lavoro più o meno normale, che in casa propria si faceva le domande che i giornalisti non volevano o non sapevano più fare. Non eravamo la maggioranza, non pretendevamo di esserla: ma esistevamo. Devono saperlo i posteri: non si sono bevuti il cervello in quindici anni, gli italiani. Non tutti.

(Da Leonardo)

Giganti della filosofia contemporanea

C’è una persona che è arrivata su questo blog cercando “l’altro nel pensiero di Furio Colombo“.

I pizzini

Se vi siete avete mai letto I pizzini, vi siete persi perle come questa.

Posta elettronica

Ho scoperto oggi che su Splinder avevo dei messaggi di posta (non avendo un blog su Splinder, pensavo che non ci fosse la possibilità fisica di inviarmi delle mail). Comunque ho risposto adesso. Il miglior classificato è Diabolicus, la cui mail del 22 Ottobre 2007 riceve risposta oggi, e non è stata nemmeno una risposta particolarmente meditata, alla fin fine. Potevo prendermi quindici giorni in più e replicare in modo molto brillante, tanto ormai non andavo di fretta.

Lo scherzo più brutto

Lo scherzo più  brutto che ti possano fare è quello di chiudere un blog il Primo Aprile e poi riaprirlo. Perchè, anche se quel certo blog non lo leggi, vieni comunque a saperlo e ti verrebbe da tirare un sospiro di sollievo per la migliorata qualità dell’aria della blogosfera (che non è un obiettivo centrale nella vita, ma ci si accontenta anche di piccole cose) e poi invece scopri che è stato solo uno scherzo.
Viene da dire: peccato, occasione persa. Ed aggiungere anche che solo persone profondamente narcisiste ed egocentriche possono pensare ad uno scherzo del genere, come se il mondo non potesse vivere senza un blog e senza il tuo blog.  E pensare poi che c’è magari un altro blog, come Titollo, che ha chiuso per davvero e questo invece ti spiace sì. Ma Titollo, che non conosco, di sicuro non è una finocchia. E’ la differenza centrale, disciamo.

Quando si dice: c’ho la blogosfera dentro

Stanotte ho sognato Titollo.

Giuro, io non so come Titollo sia fatto (anzi, come scrive Repubblica, “il Titollo”, intendendo che si tratti di una qualche razza specifica e non un cristiano qualunque), mai visto nè dal vivo nè in foto nè qualcuno me l’ha raccontato, però stanotte ho sognato che vedevo una sua foto su un giornale nell’ambito di una intervista e pensavo che era un ragazzo con l’aria simpatica.

Nello specifico, nel sogno era alto circa 1.70-1.75, moro con i capelli corti e un po’ stempiato, occhi neri, magrolino.

Credo fosse un sogno di rassicurazione, ieri con A. c’è stato un leggero scazzo.

C’è del Titollo in me

No no, ho deciso, io voglio fare un blog di politica, tipo Titollo. Perchè così il 13 di Gennaio 2008 posso scrivere che Romano Prodi “sta attraversando un periodo di grazia”, “Prodi si è rimesso in sella alla grandissima”, “persino il Senato potrebbe essere non così traballante” e infine “Insomma, il proverbiale culo-di-Prodi è tornato a funzionare a pieno regime.”, poi oggi cade il governo, al Senato, ma altro post e siamo tutti okkey. Poi dici perchè Veltroni è diventato segretario del PD, per dire.